Mentre Alexis Tsipras tratta con i creditori internazionali per il debito, e anche con Vladimir Putin per il nuovo gasdotto Turkish Stream, un sondaggio dà fiato al governo di Syriza-Anel. Secondo i dati raccolti da Public Issue e pubblicati dal giornalista Kostas Vaxevanis, l’inchiestista processato per direttissima nel 2012 per aver diffuso i nomi della Lista Lagarde, 6 greci su 10 chiedono al premier greco di non cambiare posizione nei confronti della troika. Quindi no ad un ammorbidimento delle posizioni o a concessioni, come quelle chieste in modo particolare dal ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble su pensioni e Iva. Per quanto riguarda l’atteggiamento del governo nei negoziati, il 62% dice di aver fiducia in Tsipras mentre il 34% prediligerebbe una retromarcia nei confronti del Brussels Group.

“Alexis non riritarti”, dicono quindi sei greci su dieci. Secondo i rilievi, il 40enne ingegnere che ha portato Syriza dal 3 al 36% dello corso gennaio è sostenuto come premier dal 62% dei cittadini ellenici, mentre il suo oppositore, il capo dei conservatori di Nea Dimokratia Antonis Samaras, dal 20%. Alla specifica domanda su quale sia in questo momento il “miglior governo per il Paese”, il 52% dei cittadini greci rispondono quello attuale, mentre solo il 17% quello precedente di larghe intese conservatori-socialisti. Altrettanti sono indecisi o non si esprimono. Altra interessante valutazione è quella sul referendum sull’euro, proposto per la prima volta nel 2011 dall’allora premier Giorgios Papandreou e ritornato di attualità nei primissimi giorni del governo Syriza: per il ““si è espresso il 65% degli intervistati, per il “no” il 31% e il 5% non sa. Il 90% ha anche dichiarato che probabilmente non serviranno nuove elezioni dal momento che quelle dello scorso gennaio sono state dall’esito palese, mentre il 9% ammette che servirebbero.

Inoltre le proiezioni generali circa il gradimento dell’elettorato per i partiti registrano un progresso da parte di Syriza che passa dal 36% di gennaio 2015 al 47,5%, mentre sono dati al 19,5% i conservatori. Ancora terzi sia gli estremisti di Alba Dorata che, nonostante processi e arresti non perdono colpi, sia i centristi del Potami guidati dal giornalista Stavros Theodorakis al 6,5%. A seguire tutti gli altri con i comunisti del KKE stabili al 5,5% e i socialisti del Pasok al 4,5% freschi di una donna per la prima volta al vertice: Fofi Gennimata, che ha preso il posto dell’ex ministro Evangelos Venizelos, non solo in grado di precipitare il partito al suo minimo storico (6% contro il 30% del 2011) ma anche di far parlare di sé per due Bmw blindate antimissile da 200mila euro usate, sino a quattro mesi fa, come personalissime auto blu.

[email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grecia, vogliamo che domani sera Tsipras si metta una cravatta

prev
Articolo Successivo

Migranti, intesa in Ue: ‘Ricollocati 40mila rifugiati. Stati decidano quote entro luglio’

next