Tragedia sul fiume Yangtze in Cina: una nave da crociera è affondata la notte scorsa e finora sono state tratte in salvo solo 18 delle 458 persone (VIDEO). Le vittime accertate sono cinque. “In appena uno o due minuti è andata giù”, ha detto il capitano della nave, che è tra i superstiti insieme al capo ingegnere. Entrambi sono stati arrestati dalla polizia e vengono interrogati.

Non è chiaro cosa abbia causato il naufragio dell’imbarcazione, ma secondo alcuni media cinesi il capitano avrebbe parlato di un “tornado”. Nel sud della Cina, dove è avvenuto l’incidente, il tempo è spesso inclemente in questa stagione e le operazioni di soccorso sono rese difficili dalla nebbia e dalla pioggia. L’ufficio meteorologico ha confermato che al momento dell’incidente c’erano venti “fino a 120 chilometri orari”.

L’imbarcazione, una nave per il trasporto passeggeri chiamata Eastern Star, aveva a bordo 406 passeggeri di nazionalità cinese, cinque impiegati dell’agenzia turistica che aveva organizzato la crociera e 47 membri dell’equipaggio. La maggior parte dei passeggeri ha tra i 50 e gli 80 anni di età, ma a bordo c’era anche un bambino di 3 anni. Sei di loro sono stati salvati dai sommozzatori che li hanno trovati intrappolati nel relitto della nave. E dall’interno dell’imbarcazione, i soccorritori hanno anche sentito qualcuno bussare. E’ probabile quindi, che ci siano altri sopravvissuti.

La Eastern Star era in viaggio da Nanchino a Chonqing, una rotta molto battuta dalle crociere turistiche, e si trovava nella provincia dell’Hubei quando si è verificato il dramma. Il premier Li Keqiang si è recato sul posto e ha raccomandato ai soccorritori di moltiplicare gli sforzi per trarre in salvo il maggior numero di persone. Secondo il sito web del quotidiano locale Hubei Daliy, 150 imbarcazioni e tremila persone sono impegnate nelle ricerche.

Circa 50 familiari dei passeggeri invece, si sono radunati fuori dall’agenzia di viaggio di Shanghai dove il viaggio era stato prenotato: “Ho solo avuto notizie dalla stampa mentre ero al lavoro e sono venuto qui”, ha dichiarato il figlio di una coppia che si era imbarcata sul traghetto. L’agenzia è però chiusa, ha spiegato, ed è impossibile sapere qualcosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, nuovo video dell’orrore: “14enne siriano legato e torturato dagli jihadisti”

next
Articolo Successivo

Beirut, la dimensione spaziale dei fragili equilibri nazionali

next