Servizio di Adib Fateh Ali per Piazzapulita (La7), incentrato sulla capillare organizzazione del traffico dei migranti. I trafficanti di uomini sponsorizzano il loro business su facebook, proponendosi come vere e proprie agenzie di viaggio con prezzi, rotte e orari di partenza e pacchetti per tutte le tasche, dai barconi alle navi da crociera. Il giornalista finge di voler portare in Italia la propria famiglia dall’Iraq: due adulti e due bambini, senza documenti. Contatta quindi un trafficante, la cui pagina facebook reca in calce un numero di telefono turco. Si scopre così che la mancanza di documenti per un migrante non è un problema e che il costo del viaggio arriva fino a 6mila dollari, con uno sconto del 50% per i bambini. “Il pagamento è con l’ufficio di assicurazione” – afferma il trafficante – “ce ne sono diversi: a Istanbul, a Smirne”. Adib Fateh Ali si rivolge telefonicamente a un ufficio di Smirne. L’addetto spiega: “Tu ci paghi qui, noi ti diamo un codice cifrato. Siamo un ufficio legale in regola, ma ovviamente in questo caso svolgiamo un’attività illegale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piazzapulita, la clip del Terzo Segreto di Satira: il condominio tra salviniani e renziani

prev
Articolo Successivo

Pensioni, presidente Inps Boeri: “I vitalizi politici non sono giustificati e non reggono”

next