Continua sull’Etna l’attività eruttiva al Nuovo Cratere di Sud-Est che ha avuto inizio nella notte fra l’11 e il 12 maggio scorsi. L’attività dell’Etna è costantemente seguita dall’Ingv di Catania. La notte scorsa l’eruzione, che ha dato vita a due colate laviche, è stata accompagnata da una “discontinua ed a tratti abbondante emissione di cenere”, che non ha compromesso l’attività dell’aeroporto, che è operativo, e da forti boati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’allegro balletto delle pensionate Uil, in presidio davanti al ministero dell’Economia

next
Articolo Successivo

Facci: “Bimbominkia Fedez mi querela? Meglio evirato che dargli 100mila euro”

next