“Diamo più soldi agli insegnanti e non meno e non solo perché da lì dipende l’autorevolezza sociale, ma perché è un fatto di giustizia”. Così il premier Matteo Renzi, nel video sulla Buona scuola di 17 minuti circa pubblicato sul sito del Governo, spiega il senso dei 500 euro annuali ad ogni insegnante e dei 200 milioni per la valutazione. “Che cos’è che non c’è nella ‘Buona Scuola’? Non si parla nel modo più totale di ferie per gli studenti, chiamarle ferie è un pò forte, di giorni di vacanza – spiega il premier alle telecamere -. Non si parla di vacanza, è uno degli argomenti per cui più sui social network i ragazzi mi hanno detto ‘Stai distruggendo i nostri giorni di vacanza’: nella ‘Buona Scuola’ non si parla di questo. Non ci sono ‘presidi Rambo’, i ‘presidi Rambo’ esistono solo al cinema, se ci sono”. “E attenzione che questo è molto importante: non è vero che il preside assume l’amico dell’amico, non è vero – continua – che ci sono i licenziamenti dopo 36 mesi, sono assolute falsità”. Così il premier Matteo Renzi in un video pubblicato sul sito del Governo in cui spiega la riforma della scuola”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italicum, M5S molla Civati: ‘Referendum contro i nominati? Legge fa schifo comunque’

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2015, Ilaria Cavo dalla cronaca alla politica: “Chi ha ucciso la Liguria?”

next