Ressa e spintoni hanno interrotto la quinta edizione della Giornata Nazionale della Previdenza in corso a Napoli. Una dozzina di appartenenti all’Usb pubblico impiego ha raggiunto il tavolo con il presidente dell’Inps Tito Boeri e il ministro Giuliano Poletti, chiedendo di poter parlare. L’intervento della sicurezza ha determinato qualche momento di tensione, con strattoni e spintoni. Alla fine i lavoratori hanno srotolato uno striscione con la scritta ‘pensioni pubbliche dignitose per tutti‘ e un loro rappresentante è intervenuto al microfono: “Lo stand dell’Inps è circondato da quelli di banche e assicurazioni, che sono ovviamente interessati alla partita della previdenza complementare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pubblico impiego, prima condanna per dipendente “fannullone”. E’ un primario

next
Articolo Successivo

Jobs Act, Camusso (Cgil): “Tre milioni di disoccupati? Si tenta di svuotare mare con cucchiaino”

next