Decine di deputati addormentati in Aula mentre è in discussione la manovra finanziaria. Succede all’Assemblea Regionale Siciliana, dove alcuni consiglieri regionali (si riconosce il capogruppo Udc Mimmo Turano) sono stati “beccati” e fotografati mentre dormivano con il volto appoggiato allo scranno parlamentare. Gli scatti, diffusi dal Movimento Cinque Stelle all’Ars, risalgono alla discussione dell’ultima finanziaria regionale, approvata dopo una maratona notturna di 24 ore il primo maggio scorso. “E’ quasi fisiologico che la cosa accada: lavorare di notte, non solo è deleterio, ma anche oneroso, visto che tantissimo personale dell’assemblea è costretto a rimanere in servizio. Chiederemo lo stop dei lavori notturni”, attacca Salvatore Siragusa, capogruppo dei Cinque Stelle all’Ars, annunciando una lettera di fuoco per il presidente Giovanni Ardizzone e per il governatore Rosario Crocetta. L’anno scorso per approvare la finanziaria regionale, in Sicilia si era dovuta attendere l’alba del 7 agosto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, la riforma elettorale è legge: 334 sì, 61 no. Opposizioni escono. Renzi: “Impegno mantenuto”

prev
Articolo Successivo

Crisafulli, “impresentabile” presenta suo simbolo a Enna. Ma è uguale a quello Pd

next