Non si ferma il braccio di ferro tra il Comune di Parma e i sindacati, sulla riorganizzazione del sistema educativo e del welfare della città. Dopo mesi di contestazioni e proteste, Cgil, Cisl, Uil si sono dati appuntamento in un’assemblea aperta dal titolo ‘Noi meritiamo di meglio. Prove tecniche di democrazia’, a cui hanno partecipato anche un gruppo di genitori ed educatori. “Il tema dei nidi e delle scuole d’infanzia – spiega Tilla Pugnetti di Fp Cgil – è caldo su due fronti: da una parte c’è il taglio effettivo di posti per i bambini, dall’altra c’è l’esternalizzazione di alcuni servizi. Noi siamo contrari a entrambe le scelte, perché ne risentiranno la qualità del servizio e il benessere delle famiglie e dei bambini”. Ma il sindaco 5 stelle, Federico Pizzarotti ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, respinge le accuse. E in sua difesa porta i dati, che parlano di 200 iscrizioni in meno nel 2014, tra nidi e materne. “Non potevamo lasciare le scuole vuote, c’era la necessità di riorganizzare in modo da ottimizzare il servizio e le risorse. Con questo nuovo sistema si riusciranno a stabilizzare dei precari – aggiunge – e il Comune incrementerà le quote nelle società miste pubblico-privato, quindi ci sarà un maggiore controllo”. E a chi lo accusa di smantellare il welfare risponde: “In tre anni dallo Stato abbiamo avuto 30 milioni di euro in meno, e il settore del sociale è l’unico in cui gli investimenti sono rimasti della stessa entità. Nei servizi educativi, ad esempio, investiremo 400mila euro in più rispetto al passato”  di Silvia Bia e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, bimbo autistico allontanato da B&B. Gestore a Nicoletti: “Devo prevenire situazioni scomode”

next
Articolo Successivo

Contributi genitorialità, Enpap: “Anche alle coppie gay, nessuna differenze tra genitori”

next