Reportage di Francesca Nava per Piazzapulita (La7) sulle realtà contraddittorie del cosmo rom a Bucarest: la prima tappa è a Ferentari, il ghetto vero e proprio della capitale rumena, una zona ad alto rischio dove spadroneggiano la miseria e la piccola criminalità. Qui l’inviata intervista alcuni rom che vivono in baracche improvvisate. Uno di loro rivela: “Io ho vissuto un po’ in Italia e 8 anni in Spagna, vicino a Toledo, dove lavoravo nei campi. Sono tornato in Romania perché non c’è lavoro in Spagna”. E aggiunge: “I rumeni sono molto razzisti, ti urlano sempre ‘zingaro’. Qui viviamo male, in Europa si sta molto meglio. Qui in Romania mi sento come un cane randagio. In Italia mi sentivo un re”. Le telecamere si spostano poi su Craiova, dove risiede un rom che ha vissuto 15 anni a Roma e ora vive in una sontuosa villa. Mostra la sua auto da 36mila dollari, comprata negli Usa. Alla giornalista dice: “In Italia ho accumulato 60mila euro, chiedendo l’elemosina e risparmiando. Guadagnavo circa 100mila lire al giorno negli anni ’90, assieme a mia moglie e a mia figlia, che aveva circa 14 anni. Mandarla a scuola? Questo discorso del farla studiare mi fa davvero schifo. La scuola elementare basta per farsi un’immagine del mondo. Razzismo in Romania? Sì, ed è molto, ma molto più pressante di quello che c’è in Italia, in Francia e in Germania”. Altri rom della città lodano l’Italia: “Ci siamo stati 8 anni, era tutto bellissimo. Ci hanno dato una casa-container e i servizi”. La tappa finale è Busescu, villaggio lussuoso in cui vive l’élite dei rom, la comunità Kalderash, che comprende prevalentemente commercianti di metalli che si è arricchita

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum, Fassina (Pd) vs Testa: ‘Non parteciperò al voto di fiducia’. ‘Azzeccagarbugli’

prev
Articolo Successivo

Rom, Sardone vs Lucarelli: ‘Controllare che figli siano loro’. ‘Grave quanto dice’

next