È fuggito con il figlio di appena due settimane. I carabinieri del Comando Provinciale di Torino sono impegnati da martedì 14 aprile nelle ricerche di un impiegato di 38 anni che dopo essersi fermato con la moglie e il figlio in un centro commerciale a Rivalta è fuggito a bordo della Fiat Freemont grigio argento di famiglia, lasciando la compagna al parcheggio. L’uomo si chiama Enzo Costanza e soffre di crisi depressive. È stato visto da alcuni testimoni mercoledì 15 aprile fuori da un albergo di Lione con il figlio, che stava bene. Sarebbe poi ripartito col neonato in direzione della Spagna, dove è stata avvistata la sua auto. Le ultime segnalazioni lo danno nella zona di Valencia, dove ha utilizzato la carta di credito per fare il pieno di benzina. L’indicazione è arrivata della guardia civile spagnola ed è stata subito trasmessa alle autorità italiane.

Le generalità del padre sono state fornite dal Comando provinciale, con l’invito a mettersi in contatto col 112 rivolto a chiunque abbiano sue notizie. L’uomo è alto circa un metro e 85 centimetri, di corporatura media, ha i capelli neri corti, occhi scuri e un naso pronunciato. Non porta baffi o barba né occhiali e al momento della scomparsa portava una camicia beige e un paio di pantaloni marroni. Il neonato di due settimane indossava invece una tutina beige e rosso a righe con il disegno di Snoopy o una Mucca di colore rosso, un bavaglino beige e una copertina di colore azzurro. Il bambino si trovava all’interno di un “ovetto” di colore verde sul sedile posteriore dell’auto.

L’impiegato è scomparso martedì, quando le videocamere del traforo autostradale del Frejus hanno ripreso l’auto mentre attraversava il confine con la Francia nel primo pomeriggio. La gendarmeria francese ha cercato il padre a Mentone, in Costa Azzurra, dove sperava che l’uomo si stesse recando a casa di alcuni parenti, ma le ricerche hanno dato esito negativo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabio Tortosa, l’agente sospeso dal servizio. Pansa: “Mai più un’altra Diaz”

next
Articolo Successivo

La scuola Diaz e il principio di responsabilità

next