“Per quattro anni non ho detto niente sulla mia omosessualità perché in caserma c’era un ambiente molto omofobo”. Gabriele Guglielmo, vigile urbano di Torino, fa parte di Polis Aperta associazione lgbt appartenenti alle Forze Armate e Forze dell’Ordine. Con lo slogan “Diversamente Uniformi”, il movimento promuove i diritti della comunità all’interno dei vari corpi armati dello Stato. Un centinaio di simpatizzanti, provenienti dalla rete delle forze dell’ordine di tutta Europa, si sono dati appuntamento a Torino per confortarsi sullo stato dei diritti. E se in Italia i passi da fare sono ancora molti, in molti paesi, specie nel Nord Europa, la situazione che raccontano è certamente migliore. “Stiamo facendo grandi passi avanti – spiega Herman Renes, capo ispettore della polizia nazionale olandese – 20/25 anni fa dovevo nascondere il mio orientamento sessuale, ora non è più un problema” di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Divorzio, la Cassazione: “Niente alimenti se l’ex coniuge si è rifatto una famiglia”

next
Articolo Successivo

Trieste, nuova caserma della Polizia stradale. “Ma è inaccessibile ai disabili”

next