Un video pubblicato online dall’Isis mostra la distruzione di parti del sito archeologico di Nimrud, nel nord dell’Iraq. Nelle sequenze, i miliziani fanno scempio di statue e bassorilievi a colpi di piccone e frese. Poi entra in azione un bulldozer, e una carica sbriciola un sito. La notizia, diffusa a marzo, non aveva ancora trovato conferme. L’Unesco aveva bollato la distruzione come “un crimine di guerra”, e la direttrice generale, Irina Bokova, aveva fatto “appello a tutti i responsabili politici e religiosi della regione a sollevarsi contro questa barbarie”. Nimrud è un sito assiro che si trova a sud di Mosul, seconda città irachena identificata come l’antica Ninive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa-Cuba, lo storico incontro tra Barack Obama e Raul Castro

prev
Articolo Successivo

Usa-Cuba: repubblicani contro l’apertura di Obama, ma affari battono ideologia

next