Almeno dieci persone sono state travolte da una valanga – nel pomeriggio di mercoledì 1. aprile – a Villar-d’Arêne, nelle Hautes-Alpes francesi. Tre di loro sarebbero decedute, un cittadino italiano e due austriaci. L’emittente locale France3 Alpes ha parlato di un’ulteriore alpinista in arresto cardio-respiratorio elitrasportato presso l’ospedale universitario CHU di Grenoble. Sul posto è stato immediatamento inviato personale specializzato e cani addestrati per l’assistenza in caso di valanga. La slavina è stata originata a un’altitudine di 3483 metri, sul comune di Pelvoux.

Nel frattempo risultato dispersi in alta Valle Formazza due sci alpinisti svizzeri di Zurigo, di 43 e 41 anni. Erano partiti dal rifugio Claudio e Bruno, a 2710 metri sopra il lago di Morasco, e pare che non siano mai arrivati alla meta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Circe della Versilia”, dopo 24 anni di carcere torna libera Maria Luigia Redoli

prev
Articolo Successivo

Padova, protesta degli studenti: “Il kebab delle 20.01 contro l’ordinanza di Bitonci”

next