Il deputato Cristian Iannuzzi ricorre al Tar contro la sua espulsione dal Movimento 5 Stelle. “E’ illegittima”, scrive su Facebook. Il parlamentare di Latina a inizio gennaio aveva presentato le dimissioni da parlamentare insieme ai senatori Ivana Simeoni (madre dello stesso Iannuzzi) e Giuseppe Vacciano in polemica con la gestione dell’M5S e in accordo con il suo Meetup. Pochi giorni dopo i leader avevano deciso l’espulsione dei tre eletti dal gruppo, nonostante i portavoce volessero restare in attesa della votazione di Senato e Camera sulle dimissioni.

In protesta con la decisione di Grillo e Casaleggio, Iannuzzi si è rivolto al Comitato d’appello M5S (Lombardi, Crimi e Cancelleri), creato a dicembre per gestire i ricorsi interni, ma la sua richiesta di “riaprire il caso” è stata respinta. Ora la decisione di rivolgersi al Tar: “La giustizia farà il suo corso”, spiega, “io ho fatto questo passo in linea con il mio percorso per la rivendicazione dei principi e dei valori fondanti del M5S, per il rispetto delle regole e della democrazia interna al Movimento. Ribadisco l’illegittimità della mia espulsione e di quella dei miei colleghi Vacciano e Simeoni. Da qui l’impegno e la promessa di utilizzare ogni mezzo legale al fine di vincere la mia battaglia di giustizia e democrazia nel Movimento 5 Stelle. Dobbiamo garantire i diritti di quanti, cittadini portavoce o semplici iscritti, hanno già subito o subiranno provvedimenti illegittimi ed irregolari di espulsione e di esclusione dal progetto politico M5S”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex M5S Pinna in Scelta Civica, Zanetti: “Via il loden, noi siamo il rinnovamento”

next
Articolo Successivo

Azzollini e il porto di Molfetta, una legge ad personam potrebbe assolverlo

next