Sono convinto che l’unico modo per uscire dal fallimento del proibizionismo è la legalizzazione delle droghe leggere, lo dico da vent’anni“. Sono le parole del vicepresidente della Camera, Roberto Giachetti, ospite di “Un giorno da pecora”, su Radio Due. Il deputato del Pd, che fa parte dell’intergruppo parlamentare che sta studiando una proposta di legge per la legalizzazione delle droghe leggere, afferma che erba e simili andrebbero venduti in tabaccheria. E sottolinea: “Ora, invece, col tabacco come si fa? La legalizzazione farebbe diventare le droghe leggere come le sigarette. In questo modo, non dovresti andare a chiedere le canne pagandole quattro volte tanto e dando soldi alla malavita“. “Se fossimo dei tabaccai” – chiedono in conduttori Sabelli Fioretti e Lauro – “e fossero legali le droghe leggere, lei cosa ci chiederebbe?”. “Una canna”, risponde sorridendo Giachetti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi alla Luiss: “Governo ha fatto molto di più di quello che ha comunicato”

next
Articolo Successivo

Decreto banche popolari, Aula semideserta durante la discussione in Senato

next