alfaromeoE’ ormai ufficiale, la nuova aperta del gruppo Fca sviluppata sulla base della Mazda MX-5 si chiamerà Fiat 124 Spider. Per buona pace dell’atteso ritorno, soprattutto negli Stati Uniti, del vecchio Duetto. Qualche considerazione in ordine sparso.

La prima: la nuova sorella della MX-5 non ha convinto Sergio Marchionne. Non è così attraente per portare il marchio Alfa Romeo? O forse non c’era bisogno di un’altra spider dopo la 4C (prodotto comunque completamente diverso)? Fatto sta che l’operazione di condivisione della produzione della MX-5 con un’Alfa Romeo è stata declassata da parte italiana a una Fiat. Eppure nei Paesi che contano, Stati Uniti e Cina (senza dimenticare lo stesso Giappone), una nuova Alfa Spider “da volumi” avrebbe potuto riaccendere una passione per fortuna ancora solo assopita.

La seconda: chissà come l’avranno presa a Hiroshima. E’ vero che la partnership ha ridotto comunque i loro costi di produzione ma un conto è condividere un progetto con un’Alfa, un altro è farlo con una Fiat, seppur dal passato semi-glorioso come la 124 Spider. Non mi risulta che i giapponesi siano molto felici di come sia andata a finire.

La terza: con questa operazione, Fca potrebbe essersi preclusa un’alleanza per un rafforzamento necessario in oriente. Oppure è la conferma che, non essendoci nessuna possibilità di allearsi, tanto valeva ritirare l’Alfa e rifilare ai giap il marchio Fiat. O no?

Twitter: @Carblogger_it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ford: con l’auto ibrida si va piano

prev
Articolo Successivo

Incentivi auto, ora piacciono anche a Fca. La strana retromarcia della coppia Sergio-Alfredo

next