Salvo imprevisti sono ancora nella Lega Nord. Responsabile della spaccatura è chi crea i presupposti per la spaccatura, non certo io. Cosa vorrei dire a Salvini? Cerchiamo di non spaccare il partito e troviamo una soluzione. Se prevale da parte di entrambi il buonsenso, una soluzione ragionevole la troviamo”. Sono le parole pronunciate da Flavio Tosi a Otto e mezzo, su La7, prima della sua espulsione comunicata con una nota dal segretario del Carroccio, Matteo Salvini. “Non ho mandato lettere a Salvini, né sono riuscito a sentirlo oggi perché era a Bruxelles” – spiega il sindaco ‘ribelle’ di Verona – “ma ci sono stati tentativi per rimediare. C’e’ qualcuno che fa da pontiere“. Tosi ribadisce che il principale motivo del disaccordo è lo stravolgimento delle regole dettate dai vertici, pretendendo di avere l’ultima parola sulla compilazione delle liste regionali. E annuncia: “Se la Lega mi chiede di lasciare la mia fondazione “Ricostruiamo il Paese” e in Veneto c’è un commissario imposto da Milano che decide sulle liste, non potrei far altro dimettermi da segretario della Liga Veneta. Da uomo libero potrei anche candidarmi alla Regionali venete. Salvini ha l’autorità per trovare una soluzione, togliendo paletti irricevibili e vincoli umilianti. Se si toglie il commissariamento” – continua – “e si accetta la fondazione, sulle liste un rimedio si trova. Se mi candido come presidente del Veneto, spero di valere qualcosa di più del 10 per cento, ma potrei valere anche il 2. In questa situazione, se vince la Moretti, la colpa è di chi ha creato tensione, cambiando le regole interne alla Lega“. Poi conclude: “Spero, anche per un fatto affettivo, di rimanere dentro il partito, voglio bene alla Lega e ai leghisti. Dopo 25 anni di militanza da parte mia, è quasi una famiglia per me”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrazione, Guardia Costiera: “Sciacalli ci rubano i barconi sotto gli occhi”

prev
Articolo Successivo

Ruby, Emiliano (Pd): “Ora i pm milanesi dovrebbero scusarsi con Berlusconi”

next