Vivace scontro in due atti tra Antonello Caporale (firma de il Fatto Quotidiano) e l’europarlamentare del Pd, Pina Picierno, durante L’aria che tira, su La7. Il primo match verte sulle polemiche relative all’elicottero di Renzi. “L’elicottero di Renzi – dice Caporale – è in sé berlusconismo. Prodi, quando era premier, viaggiava da Bologna a Roma col treno. Berlusconi aveva prima il suo jet personale e poi quello pubblico. Evidentemente Renzi vuole dormire 20 minuti in più e desidera che l’elicottero vada a prenderlo a casa sua”. “Sono solo motivi di sicurezza”, insorge la Picierno. “No”, ribatte Caporale che aggiunge: “E’ il godimento di una persona che si sente diverso dagli altri e che affligge gli altri”. “Questo è populismo insopportabile. E’ demagogia”, replica l’esponente del Pd . “E’ lui il populista”, continua il giornalista, che cita una frase di Eugenio Scalfari: “Renzi è un populista che combatte il populismo”. Pina Picierno ribadisce: “Mi preoccupo per Caporale e per questa sua visione complottista e orwelliana. E’ una deriva pericolosa. E’ legittimo che un presidente del consiglio si muova come il sistema di sicurezza ritiene. Renzi è la stessa persona che usava la bicicletta, ma prima era sindaco di Firenze e ora è premier. E le misure di sicurezza, a cui sottoposto suo malgrado, sono necessariamente diverse”. E aggiunge: “Conosco molto bene Matteo e sono convintissima che di tutto ha voglia tranne che di misure di sicurezza. Prodi andava in treno? Sì, ma bloccava due vagoni. Io ci sono andata in treno con Renzi quando lui era segretario del Pd: andammo alla Terra dei Fuochi, ci venne a prendere alla stazione un amico, che poi ci portò in giro”. Il secondo atto della polemica tra Caporale e la Picierno riguarda la vittoria di Vincenzo De Luca alle primarie campane del Pd

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini: “Renzi? Non lo sopporto, mi sta antipatico. E’ solo un chiacchierone”

prev
Articolo Successivo

FI, Gasparri: “Berlusconi? Molto migliore degli imbecilli che ci governano”

next