Se mi tolgono 3mila euro al mese ho un po’ di difficoltà ad arrivare alla fine del mese, è una vendetta postuma inutile. Non hanno altri argomenti, vogliono offrire al popolo scalpi e cappi sventolati dopo 20 anni dalla mia condanna e 15 anni dopo la mia riabilitazione”. Sono le parole di Paolo Pillitteri, ex sindaco di Milano, condannato in via definitiva per ricettazione e finanziamento illecito dei partiti nella vicenda Tangentopoli. L’ex parlamentare del Psi percepisce attualmente 2.900 euro mensili di vitalizio. “Facciano quello che vogliono” – si sfoga Pillitteri – “ho altre cose a cui pensare. A me sembra una cosa profondamente ingiusta e illogica. Certo, togliermi quei soldi mi cambierà la vita, ma non morirò di fame, anche se ho una certa età e non sono ricchissimo”. E aggiunge: “Io sono stato riabilitato, sono stati cancellati gli effetti della pena. Quindi, ho pagato il mio debito con lo Stato e la società. Ma ora cosa possiamo fare?” di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Severino: “Governo non la cambia”. Ma la salva De Luca è alla Camera

next
Articolo Successivo

Scandalo Idi, pm Roma chiude indagini: 40 indagati e 144 capi di imputazione

next