Labbra al botox, rughe sparite, viso ringiovanito (anche troppo). Ecco come è apparso Diego Armando Maradona in tv dopo il lifting a cui si è sottoposto nelle scorse settimane. L’ex stella del calcio mondiale (oggi 54enne) ha partecipato alla conferenza stampa tenuta a Caracas per presentare il ‘suo’ programma televisivo (di cui el pibe de oro è il conduttore)”De zurda viajera“, legato alla Coppa America in Cile. Il programma, trasmesso dalla rete televisiva multinazionale Telesur, inizierà una nuova stagione dopo il suo battesimo nel corso dell’ultimo anno della Coppa del Mondo in Brasile. Al programma, al quale prende parte anche il commentatore uruguaiano Victor Hugo Morales, si terrà nel fine settimana nella capitale venezuelana, come parte di una serie di tappe che toccheranno diverse città, nel percorso di avvicinamento alla Coppa America che si terrà tra l’11 giugno ed il 4 luglio. La notizia che sta facendo il giro del mondo, però, non è la competizione continentale sudamericana,bensì il nuovo aspetto del più grande calciatore di tutti i tempi. Un ringiovanimento che sta provocando non poche ironie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Boerchio, portiere dell’altro mondo: ‘Giocare alle Isole Vanuatu? Ottima scelta’

prev
Articolo Successivo

Estrema destra negli stadi d’Europa: solo in Inghilterra +35% di discriminazioni

next