L’associazione ProVita, nota da sempre per la battaglia anti-aborto, promuove una petizione contro l’insegnamento nelle scuole della “teoria del gender”. Problema sollevato anche  dal presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco. Ma ProVita fa di più. Ha realizzato un filmato, scatenando le critiche delle associazioni pro Lgbt. Nel video c’è rappresentata una scena di vita quotidiana dove c’è un bambino che torna a casa “sconvolto”, a detta della mamma, e si sfoga con i genitori per aver partecipato a una “lezione di educazione sessuale sulla teoria gender”. La signora racconta al marito che “le scuole sono obbligate per direttiva del governo’ a lasciare libero l’alunno di scegliere se in futuro voglia essere uomo o donna” e vengono mostrate varie immagini con trans, ragazzi con piercing, sex toys, lesbiche, omosessuali che si danno la mano. E al termine del filmato, il monito di ProVita: “Vuoi questo per i tuoi figli? No”. Ilfattoquotidiano.it ha ritenuto opportuno contattare la Onlus per avere la certezza che non si trattasse di una parodia, visti i toni e i testi del filmato. E l’associazione ha fatto sapere che il filmato è autentico: “Fa parte della campagna a favore della petizione. La raccolta firme? Si sarebbe dovuta chiudere domani, ma sarà prolungata fino al due marzo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ospedale Gemelli, la denuncia: “Applica una dottrina selettiva del cristianesimo”

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, a Milano non udenti in presidio: “Non sarà un’Esposizione per sordi”

next