Prima il volo di linea Alitalia, poi il tram. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è arrivato a Firenze per partecipare all’inaugurazione della scuola dei giovani magistrati di Scandicci e ha deciso di non utilizzare l’auto, ma i mezzi pubblici. Il capo dello Stato si è spostato in Toscana con un treno ad alta velocità FrecciArgento (meno veloce e più economico del Frecciarossa) e ad accoglierlo alla stazione c’era il sindaco di Firenze Dario NardellaSolo una settimana fa il presidente della Repubblica aveva deciso di imbarcarsi a Fiumicino come un normale passeggero. Si trattava di una visita privata a Palermo dopo l’elezione al Colle e per la prima volta un Capo di Stato ha deciso di non prendere un volo di Stato, ma un volo civile.

Questa mattina Mattarella ha replicato la scelta e ha deciso di viaggiare sul tram insieme al suo staff. Il tempo di percorrenza è di solito più rapido rispetto a quello impiegato dalle auto. Tra i motivi che sarebbero all’origine della scelta del Presidente quello di evitare disagi al traffico tra Firenze e Scandicci: si tratta infatti di uno dei tragitti più utilizzati per gli spostamenti tra il capoluogo toscano e le cittadine della sua cintura. A influenzare la decisione, viene fatto notare dallo staff, anche la natura ecologica del mezzo di trasporto: il tram fiorentino è infatti alimentato completamente ad energia elettrica.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, Lega Nord: “Diamo le armi ai cittadini per la difesa personale”

next
Articolo Successivo

JuniOrchestra di Santa Cecilia, Renzi e quel talento preso per i fondelli

next