Un padre scrive una lettera al Corriere della Sera. Sua figlia quattordicenne, membro della JuniOrchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, è tornata a casa in lacrime. Era stata chiamata, insieme ai suoi compagni, a suonare per l’iniziativa “La Buona Scuola” organizzata dal Pd. Hanno suonato tra l’indifferenza generale, il vociare di tutti, anche del premier Renzi e del ministro dell’Istruzione. Loro, i ragazzi cioè, erano lì a dare prova di talento e coloro che dicono di voler promuovere il talento, che hanno organizzato l’evento proprio a questo fine, dimostravano quanto fosse maestoso il castello dell’ipocrisia.

La vicenda è una grande metafora dei vizi della politica: non sa ascoltare, non vuole ascoltare. Ed è una testimonianza di una seconda verità: non riesce a mostrarsi sincera nei suoi comportamenti. Invoca regole per tutti ma predispone deroghe per sé stessa.

Siamo condannati a subire una propaganda permanente, un’ininterrotta sequela di falsi, una manipolazione costante della realtà. Abbiamo oramai un’enciclopedia completa di casi in cui chi governa assoggetta la realtà ai suoi desideri. E’ successo nei grandi eventi della storia recente, come quando l’Occidente decise la guerra in Iraq falsificando la motivazione del suo agire, e accade per questioni meno decisive per l’umanità ma nient’affatto secondarie.

Ecco, siamo tutti destinati a essere un po’ come questi giovani musicisti del Santa Cecilia. Invitati a suonare la grancassa della “buona scuola” e poi dileggiati dai “direttori d’orchestra”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sergio Mattarella a Firenze si sposta in tram per cerimonia a Scandicci

next
Articolo Successivo

Mattarella: “Nel Paese forte bisogno di legalità. Magistrati? No a protagonismi”

next