Renzi? Lo citerò in tribunale per diffamazione. E’ un poveraccio, un razzista“. Sono le parole pronunciate da Maurizio Gasparri ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24, a proposito delle dichiarazioni rese dal premier durante “In mezz’ora”, su Rai Tre.Questo giovanotto – accusa – ha usato un tono offensivo e razzista. Ha parlato di me come un essere inferiore. Renzi è uno privo di contenuto, molto capace di stare sulla scena, destinato a glorie nella Isola dei Famosi del futuro o alla conduzione di quiz televisivi. E’ un signore che, quando avrà letto un libro, potrebbe fare con me una discussione sulla cultura“. E rincara: “Renzi non ha mai letto un libro in vita sua, ogni tanto finge di comprare dei libri alla Feltrinelli per farsi riprendere da un tg Rai, ma li compra come si comprano le saponette o la schiuma da barba. Ma lui è anche quel personaggio che ha fatto fare insider trading con il provvedimento sulle banche popolari”. Il vicepresidente del Senato puntualizza: “Io accetto anche la polemica politica, ma questa prosopopea da parte di un uomo che non ha letto neanche un libro e che non ha questo livello culturale per parlare con quel tono, io non lo accetto. Gli daremo tanto filo da torcere. Pan per focaccia. Non può pensare di passarla liscia“. Poi sottolinea: “Il padre di Renzi? E’ un massone e non chiedo scusa per questa affermazione. Quando uno come il premier ti offende così, va scandagliato nella storia personale. E poi perché dovrebbe vergognarsi di essere un massone? Mica è un reato. Tra l’altro, molti massoni devono smentire per obbligo la loro appartenenza, c’è questa regola” di Gisella Ruccia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi ai condannati, Libera: ‘Ecco la lista dei parlamentari che non si schierano’

next
Articolo Successivo

Rai, Boldrini frena ancora Matteo Renzi: “Nessuna urgenza, non serve un decreto”

next