Ciro De Tommaso, il padre di Genny a’carogna (il capo ultra del Napoli ritenuto al centro delle presunte trattative sulla prosecuzione della finale di Coppa Italia contro la Roma), è stato ferito all’esterno di un bar, la ‘Caffetteria San Giorgio’, che si trova proprio all’inizio del quartiere di Forcella, a Napoli. L’uomo è stato raggiunto da tre colpi di pistola calibro 9 esplosi da due persone giunte davanti al bar di famiglia il sella a due scooter. De Tommaso, che è stato colpito due volte alla gamba destra e una volta alla mano sinistra, ora è ora ricoverato nell’ospedale Loreto Mare della città e non è in pericolo di vita. La Squadra Mobile della Questura di Napoli sta cercando di capire in quale contesto è maturato l’agguato. I sicari, fanno sapere gli investigatori, non hanno sparato per uccidere. L’agguato è avvenuto a meno di 50 metri dal luogo dove il 27 marzo del 2004 fu uccisa una ragazza di 14 anni, Annalisa Durante, durante uno scontro a fuoco tra fazioni contrapposte di clan della camorra

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Costa, “a bordo ordini solo da medici tedeschi”. Replica: “No discriminazioni”

next
Articolo Successivo

Lo Stato che non paga i professionisti. Il commercialista: ‘Per la Pa non lavoro più’

next