“Non fate la guerra alla Libia, i libici non sono una minaccia. Un conflitto finirebbe per accendere altre falangi estremiste che hanno progetti di conquista terroristici. Aiutateci a proteggerci senza un intervento militare”. Lo dice Housam Najjair, ex foreign fighter di religione islamica e nazionalità irlandese, che nel 2011 ha partecipato alla cattura di Gheddafi e che ha combattuto in Libia e Siria. Ospite della serata “Je suis Charlie. E dopo?“, convegno blindato organizzato dal teatro Stabile del Veneto, con l’Università Ca’ Foscari di Venezia, la Fondazione Musei Civici, il conservatorio Benedetto Marcello e la Fondazione Oasis, Najjair ha spiegato la sua decisione di entrare nelle brigate. “Ho fatto di tutto per diventare un bravo soldato e combattere contro il regime di Gheddafi che – dice – violentava le donne e saccheggiava i villaggi”. Ma sull’integralismo dell’Isis e la minaccia per la Libia,  Najjair dice: “L’Isis non è l’Islam. L’Occidente deve aiutare la Libia e per farlo non servono armi ed eserciti ma tanta politica e diplomazia di Alessia Da Canal

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Appunti dal mondo a km zero – Milano

prev
Articolo Successivo

Libia – Alfano, Gentiloni e C.: i guerrieri della domenica

next