Un hashtag con scritto: #We_ Are_Coming_O_Rome (Stiamo arrivando a Roma) lanciato dall’Isis. Lo ha riferito la direttrice di Site, Rita Katz, secondo cui il Califfato ha diffuso questo messaggio su twitter per minacciare l’avanzata verso la Capitale dello Stato Islamico: “L’Isis a Roma, con la volontà di Dio”. Sotto il testo appaiono inoltre foto con lunghi convogli di mezzi armati e carichi di militanti muniti di passamontagna e bandiere dello “Stato islamico”. Site (Search for International Terrorist Entities) è un portale, che opera da Washington, dedito al monitoraggio dei siti considerati gestiti dai fondamentalisti islamici.

Il messaggio lanciato su twitter (non proprio in perfetto inglese) si inserisce sulla scia di minacce all’Italia da parte dello Stato Islamico negli ultimi giorni. In occasione dell’avanzata in territorio libico, il Califfato aveva diramato un comunicato in cui diceva: “Siamo a Sud di Roma”. In riferimento alla possibilità avanzata dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, che aveva aperto alla possibilità di un intervento militare nell’ex colonia, una radio vicina ai jihadisti lo aveva definito: “ministro dell’Italia crociata“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, l’angoscia dell’Islam

prev
Articolo Successivo

Ukip al governo: la docu-fiction che vale a Channel 4 più di mille esposti

next