Rtl 102.5 (acronimo di Radio Trasmissioni Lombarde) ha lanciato ai propri ascoltatori un sondaggio che ha suscitato polemiche e indignazione. La domanda era “Il Sud Italia, siate sinceri: lo considerate una risorsa, un problema, un buco nero, il futuro?”

Il post è apparso nella mattinata di lunedì 16 gennaio sulla bacheca della pagina Facebook ufficiale di radio RTL 102.

salva-facebook-rtl-675

Un sondaggio (ma più che un sondaggio, un tema di discussione) lanciato dalla trasmissione LINEA DIRETTA che ai molti è apparso davvero di cattivo gusto.

La domanda poco felice (sud=problema, Sud=buco nero, ma sopratutto l’esortazione a essere sinceri) ha suscitato la rabbia e l’indignazione di migliaia di ascoltatori della radio che hanno subito replicato sulla loro pagina facebook e nel post con messaggi di delusione e pesanti insulti (“Che radio di merda”, “un buon motivo per non ascoltare più RTL”, “vergogna”, “banda di imbecilli”, “per le aziende che scaricano nella terra dei fuochi una risorsa, per gli ignoranti un problema, per la Lega Nord un buco nero e per il resto del mondo il futuro. auguri”, etc…).

E’ vero che nel sondaggio, due aggettivi sono positivi e 2 negativi, ma il tono dell’intero messaggio sembra proprio una provocazione. Ancora di più alla luce dell’esortazione a essere sinceri (‘giù la maschera’, ‘diteci davvero cosa pensate’, ‘non abbiate paura di dire cose negative’).

Il messaggio è stato ripetuto nella medesima forma anche su Twitter suscitando altrettante ire dei commentatori.

Tutta colpa dell’ennesimo stagista addetto ai social network?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cinquanta sfumature di grigio, essere Anastasia costa 12mila euro a notte

prev
Articolo Successivo

Case, il lusso (kitsch) delle ‘proprietà particolari’ che non conoscono crisi

next