Tredici ragazzi africani di diverse nazionalità, tutti richiedenti asilo, sono stati espulsi la sera del 12 febbraio dal centro d’accoglienza Namastè di Ponte di Nona, gestito dalla Cooperativa 29 giugno, una struttura che faceva parte della rete del boss di Mafia Capitale Salvatore Buzzi. Sono stati cacciati dopo aver protestato per il mancato rispetto dei loro diritti: da circa 20 giorni lamentavano il fatto di non ricevere la normale erogazione di cibo, acqua calda e del ticket giornaliero da 2,5 euro. “Una protesta assolutamente non violenta – sostiene Aboubakar Soumahoro, sindacalista dell’Usb, che questa mattina ha guidato un sit-in di fronte al palazzo della Provincia – alla quale la prefettura di Roma e il centro Namastè hanno risposto chiamando la polizia e decidendo di revocare le misure di accoglienza. Questi 13 ragazzi ora non sanno dove andare e dormono alla stazione Termini. L’inchiesta di Mafia Capitale ha dimostrato che in Italia ci sono mercenari dell’assistenzialismo che lucrano sulla pelle di chi è in difficoltà”  di Tommaso Rodano

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, regala panino a disabile bisognoso: multato da Gdf. “Gesto di cuore”

prev
Articolo Successivo

Facebook, offese su pagina sindacato di polizia contro un detenuto suicida

next