Momenti imbarazzanti durante la trasmissione “ECG Regione”, su Radio Cusano Campus. Ospite del programma radiofonico: Claudia Bellocchi, coordinatrice della Lega Nord a Roma e nel Lazio, che coi conduttori Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio dibatte sulla difficile situazione internazionale attuale. “Bisogna rivedere gli accordi di Schengen” – ribadisce a più riprese l’esponente del Carroccio – “bisogna anche cercare di ammodernare le strutture, cioè mettere una linea… un blocco per fermare questa situazione”. Ma all’incalzare delle domande dei conduttori sul modo in cui modificare gli accordi di Schengen nel dettaglio, la Bellocchi rivela qualche titubanza: fa lunghe pause di silenzio, dichiara di avere problemi con l’audio, ripete che c’è bisogno di “controllo”, di “durezza” e di “chiusura dei nostri confini”. Durante la diretta radiofonica, un ascoltatore protesta, insinuando che la coordinatrice leghista non sappia cosa sia il trattato di Schengen. La Bellocchi si prende qualche minuto di tempo, chiede ai conduttori di aspettare, parlotta con qualcuno, poi si inalbera: “Volevo rispondere al signore: so benissimo cosa è quel trattato, perché appunto io mi occupo anche di questo, non solo di ascoltare i cittadini per la strada. Io non mi faccio prendere in giro o fare gli esamini da chiunque. Io sono molto preparata, sono una persona che sa fare politica come ci ha insegnato Bossi… alla scuola di Bossidi Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, Sel al Colle. Vendola: “Renzi ha ridotto Parlamento a votificio, no a colpi di mano”

prev
Articolo Successivo

Libia, armiamoci e partite

next