Mondo Cina“: un articolo per tutte le stagioni. Se a fine anno ci sono le luminarie, in estate gli orologi da spiaggia e gli occhiali da sole, il primo giorno di scuola gli articoli di cancelleria, a Carnevale non potevano mancare gli abiti e le maschere. L’obiettivo era quello di invadere i mercatini dell’Esquilino e di San Lorenzo a Roma, offrendo alle tante famiglie che, in tempi di crisi, cercano di fare divertire i propri figli ‘facendo quadrare i conti‘, prodotti non conformi agli standard di sicurezza. E, proprio battendo a tappeto i mercatini rionali, Polizia Locale e Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Roma hanno sequestrato 7.762.920 maschere, trucchi e giocattoli, tutti privi dei necessari certificati di conformità stoccati in diversi depositi. Alcuni prodotti erano sprovvisti della relativa marchiatura “CE”, mentre altri presentavano una grafica falsa, in grado di ingannare il consumatore. Ulteriori 15.000 costumi di carnevale contraffatti di noti personaggi Disney sono stati sequestrati. La merce sequestrata avrebbe fruttato all’organizzazione oltre 35 milioni di euro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Affittopoli Roma, per un monolocale al Colosseo c’è chi paga 14 euro

next
Articolo Successivo

Grinzane, Soria fa i nomi: “Regali e soldi in nero, da Bresso ad Alain Elkann”

next