Cinque persone contuse e molta paura. Tragedia sfiorata questa mattina, poco dopo mezzogiorno, nelle vicinanze della stazione di Rubiera (Reggio Emilia) dove un treno passeggeri che viaggiava verso Bologna, ha sviato dalle rotaie rischiando di ribaltarsi su un viadotto stradale. Da una prima ricostruzione, un treno merci che viaggiava su un binario parallelo ha perso alcuni pezzi che sono finiti sulle rotaie, mentre il convoglio stava arrivando in direzione opposta attraversando un ponte. Lo schianto è stato inevitabile. Per fortuna in quel tratto la velocità non era elevata e questo ha fatto sì che il treno passeggeri non si ribaltasse finendo nella carreggiata sottostante. A bordo del regionale alcuni passeggeri hanno riportato contusioni dovute all’impatto, in cinque sono stati portati all’ospedale per accertamenti, ma, al momento, nessuno pare in gravi condizioni. Lo scontro è avvenuto all’altezza dello scambio ferroviario che porta verso un mangimificio della zona. Disagi anche per il traffico ferroviario, visto che l’intera tratta tra Reggio Emilia e Modena è stata chiusa e ci vorrà diverso tempo per poterla riaprire  di Stefano Cacciani e Marcello Volta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco, smacco alla politica: niente messa con parlamentari e governo

next
Articolo Successivo

Regioni, “Lupo dirigente ‘pigliatutto’: due incarichi in Sicilia e uno nel Lazio”

next