“Quella di Calderoli contro la Kyenge è una battuta becera, però ha chiesto scusa. Ma l’ex inutile ministro dell’Integrazione non può pretendere e invocare l’immunità razziale“. Sono le parole dell’ex direttore de La Padania, Aurora Lussana, durante “L’aria che tira” (La7), a proposito delle offese di Roberto Calderoli contro Cecile Kyenge. La giornalista si rende protagonista di una rovente polemica con la firma de Il Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, che insorge: “Ma si rende conto di quello che sta dicendo? E’ pazzesco. Lei si deve vergognare“. “Anche io vengo insultata per le mie origini bergamasche” – ribatte la Lussana – “ma non vado nei tribunali a fare proclami”. “Ma la faccia finita” – risponde la Meli – “non faccia l’ipocrita”. L’ex direttore del quotidiano leghista osserva: “Per lei l’emergenza in Italia è il razzismo?“. L’editorialista del Corriere replica: “In Italia l’emergenza è la sottocultura di cui lei è una degna rappresentante

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casta, si elegge il capo dello Stato e la settimana si fa cortissima per gli onorevoli

prev
Articolo Successivo

FI, Razzi: “A Renzi glielo dico da amico ‘fatti i cazzi di tutti gli italiani'”

next