Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a margine dell’inaugurazione dell’anno giudiziario a Palazzo Spada, sede del Consiglio di Stato, risponde al fattoquotidiano.it che “entro la giornata di oggi avvieremo una definizione puntuale di tutte le questioni controverse relative al Ddl anticorruzione e che chiuderemo sull’impianto, così da procedere speditamente in Commissione e in Aula“. “Entro oggi – continua il Guardasigilli – definiremo le questioni controverse che è naturale che ci siano quando si affronta un tema così importante, che ha necessita di interventi da valutavare e approfondire in modo sistematico”. E sui ritardi, visto che la proposta in materia avanzata da Pietro Grasso è di due anni fa, il ministro si difende: “Il testo è un punto di partenza rispetto a una valutazione che il Parlamento deve fare. Il lavoro di approfondimento non è mai tempo perso quando serve per definire una linea comune e poi è più facile arrivare fino in fondo”. Ma quando chiediamo una data entro la quale si arriverà alla discussione incardinata in una delle due Camere, il ministro ribadisce: “Entro oggi chiudiamo l’impianto” e precisa: “Il Pd non è diviso su niente e non lo è neppure la maggioranza”  di Manolo Lanaro

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione, Consiglio di Stato: “Servono giudici forti contro fenomeno ramificato”

next
Articolo Successivo

Lega Nord, chiesto il processo per ex segretario Umberto Bossi

next