Qualche deputato mi ha fatto sapere che mi voterà come presidente della Repubblica. Quale schieramento? Non lo dico, ma sono parlamentari di varie parti”. Sono le parole pronunciate da Giancarlo Magalli, in un’intervista rilasciata a Piazzapulita (La7). Il conduttore televisivo commenta la sua vittoria alle “Quirinarie” de ilfattoquotidiano.it e puntualizza: “Non è affatto uno scherzo, i giovani non scherzano sul proprio futuro. E’ un modo per far capire che prendono le distanze dalla casta. I nomi ufficiali piacciono così poco che loro ne propongono un altro, pur sapendo che non c’è la possibilità che venga eletto”. E aggiunge: “Questi ragazzi non vogliono la rivoluzione, né imbracciare i forconi. Vogliono solo che i politici capiscano le loro istanze e lo fanno in maniera simpatica. E invece vengono subito marchiati come “l’antipolitica”. Non vuol dire niente “antipolitica”. Io sono contro la politica? Faccio politica, non antipolitica”. Sulla possibilità di ritirarsi dal sondaggio, afferma: “Lasciamolo così com’è, tanto non succede nulla. Non è che se resto primo eleggono me”. Magalli poi parla di “metodo Boffo” da parte del quotidiano Libero e alla domanda su chi voterebbbe oggi, risponde: “Tsipras, credo come tutti. Andrei in Grecia a votare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia, parco di Selinunte e casa di Pirandello: capitelli “rubati” e i fannulloni custodi al bar

prev
Articolo Successivo

Stefania Pezzopane e il tormentone pop trash della sua storia d’amore

next