Muore il campione di surfRicardo dos Santos (24 anni), dopo una lite in strada sul lungomare di Guarda do Embaú, nello stato di Santa Catarina in Brasile. Non è chiara la dinamica e i fatti: alcune testate hanno riportato che l’atleta avrebbe avuto una discussione con due balordi che gli avrebbero sparato, poi vi via si è fatta strada l’ipotesi che ad uccidere il surfista sia stato un poliziotto suo coetaneo, Luis Brentano, e suo fratello a seguito di un’accesa discussione con dos Santos. Il poliziotto sostiene per legittima difesa. Quattro operazioni non sono bastate salvare la vita del campione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, Valls: “Tremila persone sono pronte a colpire la Francia”

prev
Articolo Successivo

Prezzi petrolio ai minimi, Cina moltiplica le importazioni: +10% da dicembre

next