Muore il campione di surfRicardo dos Santos (24 anni), dopo una lite in strada sul lungomare di Guarda do Embaú, nello stato di Santa Catarina in Brasile. Non è chiara la dinamica e i fatti: alcune testate hanno riportato che l’atleta avrebbe avuto una discussione con due balordi che gli avrebbero sparato, poi vi via si è fatta strada l’ipotesi che ad uccidere il surfista sia stato un poliziotto suo coetaneo, Luis Brentano, e suo fratello a seguito di un’accesa discussione con dos Santos. Il poliziotto sostiene per legittima difesa. Quattro operazioni non sono bastate salvare la vita del campione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, Valls: “Tremila persone sono pronte a colpire la Francia”

next
Articolo Successivo

Prezzi petrolio ai minimi, Cina moltiplica le importazioni: +10% da dicembre

next