Una censura della copertina di Charlie Hebdo in diretta su Sky News (canale inglese). A questo hanno assistito gli spettatori del canale britannico che ha intervistato la giornalista Caroline Fourest, ex collaboratrice della rivista satirica. La donna ha manifestato la sua disapprovazione nei confronti di tutte quelle testate che hanno deciso di censurare l’immagine dal titolo “Tutto si perdona”, che raffigura Maometto che piange con in mano il cartello “Je suis Charlie“. Come gesto di “protesta”, la donna ha mostrato la prima pagina dell’ultimo numero di Charlie Hebdo, chiedendo perché un’immagine come quella dovesse essere censurata. La regia ha così immediatamente staccato il collegamento e la giornalista in studio ha ripetuto all’intervistata che quella vignetta non poteva essere mostrata
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa-Cuba, stop ai limiti su viaggi e business: ecco le prime tappe del disgelo

prev
Articolo Successivo

Islam, Wim Wenders: “Stupido manifestare dicendo “fuori i musulmani dall’Europa””

next