La norma salva-Berlusconi? Io ho scritto materialmente l’articolo 19-bis. E non solo quello, ma anche un articolo, di cui non ha parlato nessuno, che ha aumentato le pene rispetto alla proposta fatta dal Ministero dell’Economia”. Sono le parole di Matteo Renzi, ospite di “Otto e mezzo”, su La7. “Tutti gli articoli nuovi lo ho proposti io” – continua – “è finita l’era in cui i tecnici scrivono le norme e i politici stanno a prendere il caffè e ci mettono il bollo“. Il premier poi smentisce le dichiarazioni del deputato M5S Luigi di Maio, che era intervenuto nella puntata precedente del talk show di approfondimento: “E’ falso che con la norma del 3% lo Stato perde 16 miliardi. Non è vero che andiamo a non punire l’evasore, con doppie sanzioni lo colpiamo due volte. E’ finalizzato ad avere più soldi in tasca: puniamo l’evasore, gli facciamo pagare il doppio, ma non gli facciamo il processo penale”. E accusa: “In questo Paese c’è una generazione di politici, giornalisti e commentatori che vive nell’angoscia e nell’orrore di Berlusconi. A me non interessa Berlusconi, ma gli italiani. Gli effetti della sentenza Berlusconi” – prosegue – “scadono a febbraio. Abbiamo da fare le riforme costituzionali, la legge elettorale, l’elezione del capo dello Stato, la rivoluzione della pubblica amministrazione, perché a me la vicenda dei vigili di Roma non è andata giù. Ho detto: facciamo qualcosa a febbraio. Invece l’ossessione è ricominciata“. E ribadisce: “Questo fisco non funziona e fa schifo in Italia. Ma io lo voglio cambiare e lo cambieremo”. Il premier afferma che non cambierà la legge Severino sull’incandidabilità. E conclude: “Il presidente del Consiglio è l’ultima cosa che farò a livello politico. Nel modello anglosassone, dopo che hai fatto il presidente del Consiglio, fai le conferenze. E il principio di rottamazione deve valere anche per me”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Capo dello Stato? Va eletto tutti insieme. Non parlo coi vigliacchi”

prev
Articolo Successivo

Parigi, le telefonate tra i terroristi e Tv francese: “Kouachi di Al Qaeda, Coulibaly di Isis”

next