La norma del decreto fiscale cosiddetta ‘Salva-Berlusconi‘ “l’ha scritta il Cdm su mia proposta. L’ho scritta io, così come anche un’articolo che ha aumentato le pene rispetto al testo previsto dal Tesoro”. Così il premier Matteo Renzi a Otto e mezzo (La7). “Il sistema fiscale italiano non funziona – ha aggiunto –  ho detto evitiamo che il fisco se la prenda per 5-10 mila euro con uno che sbaglia: lo facciamo pagare ma non gli facciamo un processo penale. Per le aziende: se paghi 10 milioni di tasse e sbagli per 100mila euro, non ti dico che la facciamo buona ma ti chiedo il doppio. Parto dal presupposto che tu non lo faccia con l’idea di frodare ma che sia un errore”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Hebdo, Renzi: “Europa vada verso una intelligence unica”

next
Articolo Successivo

Chil Post, lo Stato rimborsa il mutuo non pagato del papà di Renzi

next