“Ju suis Charlie” è la scritta che campeggia sui cartelli di tutte le piazze francesi che si sono unite nella reazione all’attentato che il 7 gennaio ha colpito la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo a Parigi. E il messaggio sembra aver contagiato anche il simbolo della Ville Lumière, la tour Eiffel. Via le luci: “la tour Eiffel est Charlie”, per ricordare le vittime dell’attacco terroristico alla libertà d’espressione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parigi, #JeSuisCharlie e il fantasma della Fallaci

prev
Articolo Successivo

Mia Khalifa, pornostar libanese minacciata di morte dagli integralisti

next