Dopo il discorso istituzionale di Napolitano e il controcanto di Beppe Grillo, immancabile arriva quello del comico Natalino Balasso. Il messaggio per il capodanno 2015? “Fumiamoci due pipate di canapa in santa pace”. Insomma, una provocazione che invita alla calma, con un po’ di rassegnazione per sfatare alcuni miti. Quello della crescita, per esempio: “Altro che crescere, siamo un organismo vecchio e obeso. Dobbiamo diventare più leggeri, più agili”. E allora niente paroloni come “ripresa, occupazione: roba da politici”, spiega Balasso, che dedica un pensiero anche all’astronauta Samantha Cristoforetti. “Tanti italiani vanno all’estero per disperazione. Questa qui per andare così lontano doveva essere proprio alla frutta” –  il canale di Natalino Balasso su youtube

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etna, eruzione di cenere lavica. Nuovo cratere a sud-est

next
Articolo Successivo

Loris, Yara e Motta Visconti: le storie nere che raccontano l’Italia profonda

next