La polizia ha fatto irruzione nel bar di Sydney, in Australia, in cui un uomo armato ha sequestrato diverse persone più di 16 ore fa. Cinque o sei ostaggi sono fuggiti, dopo che altri cinque erano usciti dal locale in precedenza. Durante il raid si sono sentiti diversi suoni simili ad esplosioni. In seguito, una donna in lacrime è stata aiutata a uscire dagli agenti e altre due persone sono state portate all’esterno su barelle. Intanto i media hanno identificato il sequestratore come Man Haron Monis, di origine iraniana e incriminato per diversi capi d’accusa, tra cui aggressione sessuale e complicità in omicidio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sydney, nel 2010 il sequestratore Man Haron Monis offese i familiari dei militari morti in Afghanistan

prev
Articolo Successivo

Sydney, chi è Haron Monis: predicatore che minacciava famiglie dei soldati uccisi

next