La polizia ha fatto irruzione nel bar di Sydney, in Australia, in cui un uomo armato ha sequestrato diverse persone più di 16 ore fa. Cinque o sei ostaggi sono fuggiti, dopo che altri cinque erano usciti dal locale in precedenza. Durante il raid si sono sentiti diversi suoni simili ad esplosioni. In seguito, una donna in lacrime è stata aiutata a uscire dagli agenti e altre due persone sono state portate all’esterno su barelle. Intanto i media hanno identificato il sequestratore come Man Haron Monis, di origine iraniana e incriminato per diversi capi d’accusa, tra cui aggressione sessuale e complicità in omicidio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sydney, nel 2010 il sequestratore Man Haron Monis offese i familiari dei militari morti in Afghanistan

next
Articolo Successivo

Sydney, chi è Haron Monis: predicatore che minacciava famiglie dei soldati uccisi

next