Vivace dibattito durante il talk show di approfondimento “La Gabbia”, su La7: i giornalisti Peter Gomez, Claudia Fusani e Alessandro Plateroti discutono sul ddl anticorruzione varato dal governo Renzi. Nel disegno di legge, che include un inasprimento di pene per i reati di corruzione, concussione e induzione, era prevista una norma che avrebbe garantito uno sconto di pena ai collaboratori di giustizia. Quella misura premiale poi è stata cancellata, come spiega dettagliatamente Claudia Fusani, presumibilmente per iniziativa del Ncd. Ieri il ministro della Giustizia Alfano ha negato ogni responsabilità a riguardo. “Chi mente?” – chiede il direttore de ilfattoquotidiano.it – “Non vogliono o non possono? Forse il sistema è troppo corrotto e non si possono prendere provvedimenti troppo radicali?“. Il deputato Pd Roberto Giachetti, ospite in collegamento, smentisce che ci siano “complotti” e sottolinea: “Quando poi entrano in ballo i servizi segreti finisce tutto in caciara“. Il vicedirettore de Il Sole 24 Ore esprime la sua contrarietà all’utilizzo dei pentiti nelle indagini. Gomez ribatte, citando l’inchiesta Mani Pulite e le indagini di mafia:”Se non hai un pentito, non arresti gli altri 300. Negli Usa funziona così”. Plateroti replica: “Qui non parliamo di picciotti o di capimafia, ma di gente istruita”. “Non c’è una differenza così grossa” – controbatte Gomez, che menziona il caso della scomparsa di Alfredo Guagnelli, l’ex braccio destro del parlamentare Pd Marco Di Stefano indagato per corruzione – “Se non c’è qualcuno che parla, le inchieste sulla corruzione non si fanno. Al di là della discussione etica, è indubbio che le inchieste le fai più velocemente e sgomini più facilmente l’organizzazione criminale se hai qualcuno che collabora”. Il direttore de il fattoquotidiano.it, poi, torna sulla cancellazione della norma nel ddl anticorruzione: “Credo che sia stata tolta non per una questione etica, ma perché qualcuno, non so chi, non vedeva convenienza e aveva paura che venissero scoperti troppi corrottidi Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Capitale, il prefetto Pecoraro nomina commissione d’accesso agli atti

next
Articolo Successivo

Gomez vs Beccalossi (FdI): ‘Come diavolo avete scelto Alemanno?’. ‘Se colpevole sarà preso a calci’

next