Smaltimento illecito di rifiuti. È la nuova ipotesi di reato formulata dalla procura di Taranto nei confronti di sette indagati per i lavori di adeguamento all’Aia dell’Ilva. Si tratta di Riccardo Gatti, 52enne direttore dei lavori per le opere architettoniche e strutturali del cantiere, Pietro Bongermino, 50enne responsabile di cantiere per conto di Ilva, Marco Genero, 48enne originario di Udine e capo Area manutenzione meccanica acciaierie, Sergio Trombini, 54enne presidente del consiglio di amministrazione e legale rappresentante della ditta Semat spa che ha eseguito i lavori del cantiere, Giandomenico Cuscela, procuratore speciale della ditta appaltatrice, Gianfranco Orfino, 47enne di Pulsano e, infine Martino Bello, 49enne di Martina Franca, entrambi dipendenti della Semat e incaricati dei lavori.

Secondo il procuratore Franco Sebastio e aggiunto Pietro Argentino i sette, avrebbero effettuato “un’attività di smaltimento di rifiuti speciali pericolosi costituiti da materiali oleosi e catramosi mediante interramento e occultamento” nel sottosuolo. In sostanza, l’ipotesi accusatoria è che durante i lavori disposti dall’autorizzazione integrata ambientale per la costruzione di un nuovo impianto di aspirazione nell’acciaieria 1, sarebbero stati individuati i rifiuti che poi sarebbero stati interrati, anche se l’ipotesi più accreditata al momento è che quei rifiuti pericolosi sarebbero stati tombati anni e anni fa.

Nelle scorse ore, intanto, i carabinieri del Nucleo Operativo ecologico di Lecce, agli ordini del maggiore Nicola Candido, si sono presentati in azienda con gli escavatori e hanno portato alla luce tutto quello che è stato occultato: diversi i campioni prelevati che saranno ora analizzati dal personale dell’Arpa Puglia e già nei prossimi giorni potrebbero fornire informazioni preziose per comprendere meglio la natura de rifiuti, la loro provenienza e, soprattutto, l’eventuale rischio corso dai lavoratori che quotidianamente si sono mossi su quelle superfici.

La vicenda è partita da un esposto presentato dall’Unione sindacale di base che aveva spiegato che “in prossimità del parco rottami esterno, a seguito dei lavori previsti dall’Aia per il Nuovo sistema di aspirazione acciaieria, emergeva, durante gli scavi effettuati dalla ditta Semat, materiale oleoso e catramoso nel sottosuolo che la ditta predetta provvedeva immediatamente a occultare”.

Una nuova inchiesta che richiama un altro fascicolo aperto mesi fa dalla procura dopo gli esposti formulati dall’Usb e dalla Fiom Cgil in merito alla drammatica situazione in cui versano alcuni lavoratori del reparto carpenteria dove i lavoratori avevano segnalato presenza di macchie anomale sul pavimenti ipotizzando la presenza di rifiuti tossici interrati. In quell’area su circa 200 dipendenti, infatti, una decina sarebbero affetti da gravi problemi alla tiroide e alcuni, purtroppo, sono anche deceduti in seguito alla malattia. Sulla vicenda è intervenuta l’Asl che, però, non ha fornito spiegazioni ai sindacati metalmenccanici inviando i risultati delle analisi direttamente ai magistrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Capitale, i campi rom e la Riserva naturale vittima della corruzione

prev
Articolo Successivo

Parco dei castelli romani, il Tar Lazio dà ragione al sindaco: “Via le antenne di Rti”

next