Nessun rapporto tra il Fluad e le diciannove morti sospette che si sono verificate nei giorni scorsi dopo la somministrazione del vaccino. Il Comitato per la farmacovigilanza (Prac) dell’Agenzia Europea per il Farmaco (Ema) ha così scagionato l’antinfluenzale prodotto da Novartis e ha invitato a continuare le vaccinazioni, riconoscendo all’Aifa la correttezza dell’azione di sospensione precauzionale il 27 novembre. Nei giorni scorsi, inoltre, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin aveva comunicato che gli esami condotti dall’Iss sui primi lotti avevano dato “esito completamente negativo”.

Dopo la revisione dei casi segnalati, il Prac ha concluso che non c’è alcuna evidenza di relazione causale tra gli eventi fatali riportati e la somministrazione di Fluad. Per la campagna di vaccinazione in corso in Italia – conclude l’Ema – sono state distribuite circa 4 milioni di dosi. Il vaccino è stato utilizzato anche per le campagne di vaccinazione antinfluenzale 2014/15 in Austria, Germania e Spagna.

“La valutazione del comitato farmacovigilanza dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) rassicura affinché gli Stati membri dell’Unione europea continuino con le loro campagne di vaccinazione antinfluenzali annuali”. “L’influenza – ricorda l’Ema – può causare malattie gravi o la morte soprattutto negli anziani e nelle persone con malattie croniche. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che le epidemie influenzali producano ogni anno da 3 a 5 milioni di casi di forme gravi in tutto il mondo e 250-500mila morti. I vaccini sono il modo più efficace per prevenirle”, conclude l’Agenzia Ue.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, sgomberato dormitorio di clochard. Bitonci: “Basta situazioni simili”

next
Articolo Successivo

M4 a Milano, in arrivo una ‘bomba a grappolo’ sul Duomo

next