“Se fossi un uomo mi chiederebbero davvero di sapere cos’ho nel frigo?”. Carolina Kostner parla per la prima volta dopo lo scandalo doping che ha coinvolto il suo ex fidanzato, il campione olimpionico Alex Schwazer. E lo fa in un’intervista esclusiva di Beatrice Borromeo sul Fatto Quotidiano, in edicola domani: “La questione non è fino a che punto ci si spinge per amore: se avessi saputo che lui si dopava, per il suo bene innanzitutto, l’avrei convinto a confessare“. La richiesta del Coniche vorrebbe squalificarla per 51 mesi – è per lei irricevibile: “Non capisco come sia possibile che chiedano una pena più alta per me rispetto ad Alex e ai tanti atleti che hanno fatto i suoi stessi errori. Non la merito”. La Kostner parla del suo amore con Schwazer, del macchinario ipobarico che il marciatore aveva portato in Germania, del suo incontro col preparatore inibito Michele Ferrari, e di quella bugia raccontata all’ispettore anti-doping che potrebbe costarle la carriera. E svela la possibilità di scegliere un futuro che in pochi, oggi, riuscirebbero a immaginare.

LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE DELL’INTERVISTA SU IL FATTO QUOTIDIANO IN EDICOLA IL 2 DICEMBRE 2014

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marco Pantani, nuova perizia conferma: “Ferite compatibili con una caduta”

prev
Articolo Successivo

Carolina Kostner: “Amavo Schwazer, ma non fino al doping. Io non sapevo”

next