coffee-londra

Molta gente mi chiede – nessuno, in realtà, ma andiamo pure avanti. Dicevo, molta gente mi chiede: “Se tu potessi dare un consiglio ad un o una connazionale per la sua prima visita Oltremanica, quale sarebbe?”. Molto semplice: non chiedete un caffè. “Ma che c’entra il caffè?!”

Noi pensavamo – non so – ‘lascia sempre la mancia‘. O ‘sta sulla destra quando sali in scala mobile, in metropolitana’, ‘rispetta la fila per prendere l’autobus’, ‘Say sorry’ anche quando il piede l’hanno calpestato a te.

No. Perché, nonostante tutti quelli elencati siano sicuramente suggerimenti importanti e degni di nota, non c’è nulla di più soul destroying che, appena atterrati sul suolo britannico, entrare in un bar e, con l’intenzione di rimediare alla pioggia e al grigiore e sentirsi per qualche momento ancora a casa, chiedere: “A coffee, please”. Perché il barista il coffee te lo dà. Eccome, se te lo dà. Ma è in versione pinta, con quasi mezzo litro d’acqua bollente. E al primo sorso ti pialla la lingua. La giornata ha preso già una brutta piega e la vostra visita ne rimarrà inevitabilmente segnata.

Gli inglesi sono precisi. Molto precisi. Lo si vede soprattutto nel linguaggio. Le mani hanno ‘fingers’, i piedi hanno ‘toes’. I guanti sono ‘gloves’, finché non non perdono, appunto, tre fingers e diventano ‘mittens’. Questo, in particolare, l’ho imparato a mio discapito, qualche anno fa, correndo il rischio di istigare una vera e propria lite con un mio caro amico di Plymouth.

F: Hey Steve, where did you buy those gloves?

S: What gloves?

F: Those gloves.

S: Which ones?

F: The ones you’re wearing!!

S: Oh, you mean my mittens?

F: Eh? Macché mittens e mittens?!?! So’ guanti! So’ fatti de lana! Te coprono le mano? Allora so’ guanti!

L’ultima parte, ovviamente, gliela risparmiai. In fin dei conti, la lingua era la sua.

E poi ancora: la metropolitana è ‘tube’ solo se è ‘Underground’, altrimenti diventa ‘Overground’, ‘DLR’ o Thameslink’. Che in realtà è una linea ferroviaria. Ma, appunto, se sei preciso, non ti sbagli.

E sono precisi anche nel caffè. Quello che volete – e il barista forse lo sa pure, avendo riconosciuto lo zaino dell’Invicta, ma è una specie di rito d’iniziazione – è un espresso! ‘Single’, o preferably ‘double’, che diventa bello corposo. A meno che non siate a Starbucks, che allora, come double, vi mettono quasi una pinta d’acqua pure nell’espresso. Oppure potete provare a chiedere un ‘Double, but quite short, please’ (= ristretto), facendo letteralmente esplodere la testa del barista. Ed eviterei anche i Greasy Spoons (‘cucchiai unti’), dove il Full English Breakfast la fa da padrone, ma il caffè è ancora fatto con la bustina del tè di tre giorni fa.

Ma, a parte queste eccezioni, devo dire – e immagino già le reazioni dei due lettori – che qui a Londra l’espresso è buono! Certo, magari non buono come lo fanno in Via Borsari a Verona o in Piazza del Plebiscito a Napoli, ma la qualità è decisamente migliorata negli ultimi 10 anni. E poi ci sono i baristi australiani, adesso, che ti fanno un (caffe)latte ‘da volar via’ (Franco Rognoni), con sopra disegni di foglie, alberi e, a volte, addirittura cigni! Dal Regno Vegetale a quello Animale, in un soffio di schiuma, mate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

GenerationE, gli expat del Mediterraneo che “fuggono” ma sperano di tornare

prev
Articolo Successivo

Startupper in Lituania. “Giovani, andate all’estero. Ma non a Londra e Dublino”

next