La Digos ha trovato 143 bombe carta conservate in sacchetti di plastica in uno stabile sgomberato a Roma, sul Lungotevere dell’Acqua Acetosa, nei pressi dello stadio Olimpico. Gli ordigni, scovati dagli agenti, sono nelle mani degli artificieri. Lo stabile, ex sede dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, era stato occupato lo scorso 15 novembre da un gruppo di persone attive negli ambienti dell’estrema destra romana e sgomberato due giorni dopo. Tra gli occupanti, che avevano ribattezzato il luogo “SpazioZero“, figuravano anche ultras di Roma e Lazio. Gli agenti, malgrado avessero bloccato il locale con lucchetti e catene, hanno continuato a ispezionarlo, trovando le bombe.

Il “Circolo poligrafico” è stato adibito a spazio pubblico ricreativo usato per attività che, di giorno, coinvolgono anche i bambini, salvo poi tramutarsi la sera in un locale molto in voga nelle notti romane. Lo stabile non è nuovo alle occupazioni da parte di gruppi dell’estrema destra della città. Il 29 marzo 2013, Giuliano Castellino, dirigente nazionale de La Destra di Storace con un passato negli ambienti neofascisti capitolini, rivendicò l’occupazione del Circolo, che venne sgomberato quattro mesi dopo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ebola, medico di Emergency è stabile. “Non ci sono rischi per la comunità”

prev
Articolo Successivo

Milano, si pente boss di Quarto Oggiaro Alex Crisafulli: ‘Ho vissuto nell’animalità’

next