Copertina di Maurizio Crozza, che apre la nuova puntata di “Dimartedì”, su La7, vestendo i panni di Matteo Renzi alle prese con il suo nuovo amico: un koala in peluche. Tornato nelle sue vesti, il comico ligure commenta le alluvioni del nord: “In Italia ci mancava solo lui: l’uragano Renzi. La tromba d’aria fritta”. Crozza poi imita Maurizio Landini, che lo ascolta dietro le quinte divertito, e Susanna Camusso. E si sofferma sulle vicissitudini recenti del quartiere romano Tor Sapienza: “L’altro giorno a sfilare lì per la chiusura del centro rifugiati c’era anche Alemanno, cioè il sindaco che aveva aperto il centro.  E’ come se domani vedessimo Alan Friedman entrare con una ruspa dentro la Rizzoli per distruggere tutti i suoi libri”. Crozza aggiunge: “Roma è difficile da amministrare. Ci vuole polso, carisma, concretezza. Avete presente Ignazio Marino? Ecco,ci vuole un altro. Marino si fa così amare che, se, a suo tempo, Ponzio Pilato avesse chiesto di scegliere tra Gesù e Marino, il popolo avrebbe risposto: ‘Gesù'”“. E ancora: “Ci sono dei romani che rimpiangono Rutelli. E’ come se a Pompei rimpiangessero la lava. Il Pd è in imbarazzo perché vuole dimissionare Marino. Se lui avesse truccato degli appalti, corrotto qualcuno, fatto assumere parenti, lo avrebbero anche difeso. Ma, cazzo, di fronte a uno che parcheggia una Panda in divieto di sosta, anche il Pd si arrende. Mi diventa indifendibile”. Crozza quindi imita il sindaco Ignazio Marino: “Buonasera, scusate, non posso stare tanto, perché ho lasciato la Panda in un passaggio a livello. Non parliamo più della Panda. Ho deciso: la vendo. AAA Panda Rossa vendesi: plurimultata, bollo scaduto, assicurazione inevasa. Vendesi causa malocchio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tor Sapienza, Piazzapulita tra la gente: ‘Li meniamo, ci daranno tre mesi di galera?’

prev
Articolo Successivo

Crozza-Salvini: “Ai meridionali che urlano dai campanili lo Stato paga la sauna”

next