Si farà a Roma dal 12 al 14 dicembre il Summit mondiale dei Nobel per la Pace, che avrebbe dovuto tenersi tra il 13 e il 15 ottobre a Città del Capo. Oltre 22 Nobel per la pace sono attesi a Roma, tra cui anche il capo spirituale tibetano Dalai Lama. Il meeting si sarebbe dovuto svolgere in Sud Africa, ma è stato annullato dagli stessi Premi Nobel per protestare contro la decisione del governo sudafricano di non garantire il visto di ingresso al Dalai Lama per non irritare la Cina.

Il Summit Mondiale dei Nobel per la Pace, è uno dei più prestigiosi eventi internazionali, riconosciuto in tutto il mondo per il suo contributo al dibattito globale nella costruzione di una società pacifica. Le sue edizioni precedenti si sono svolte a Roma, Parigi, Berlino, Hiroshima, Chicago, Varsavia. Roma è la città in cui il vertice è nato e il Campidoglio ha già ospitato le prime 8 edizioni del Summit.

L’evento 2014 sarà dedicato interamente alla memoria di Nelson Mandela e si intitolerà: “Peace. Living It!”. Ma secondo il Premio Nobel Desmond Tutu, non sarà solo un evento in onore dell’eredità del presidente, ma anche un invito all’azione. La cerimonia di apertura e i lavori si svolgeranno all’auditorium Parco della Musica, mentre la cerimonia di chiusura in Campidoglio, dove sarà consegnato il Peace Summit Award 2014, un premio che viene assegnato dai Nobel alla personalità del mondo del cinema e dello spettacolo che più si è contraddistinta nella difesa dei diritti umani nel mondo.

Un riconoscimento che in passato è stato ricevuto anche da Sharon Stone, Roberto Baggio, George Clooney, Bono, Peter Gabriel e Roberto Benigni. L’arcivescovo Desmond Tutu ufficialmente condurrà la cerimonia di apertura del vertice, insieme a Marino, mentre Cape Town sarà rappresentata dal suo sindaco, Patricia De Lille. Oltre al Dalai Lama, tra gli altri partecipanti ci saranno l’arcivescovo Desmond Tutu, Shirin Ebadi, Leymah Gbowee, Ta-wakkol Karman, Mairead Maguire, il presidente José Ramos-Horta, David Trimble, il presidente Lech Walesa, Betty Williams.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Calabria, frontale sulla statale Jonio-Tirreno: morte sei persone

prev
Articolo Successivo

Maltempo, due morti per frana di fango nel Varesotto. Un disperso nel Genovese

next